ORARI SANTE MESSE

S. Messe Feriali:

- ore 8.30 (nel giorno in cui si celebrano funerali al posto della S. Messa si recitano le Lodi Mattutine, guidate dalle nostre suore)

- ore 18.30

S. Messe Festive:

- ore 18.30 (sabato sera)

- ore 8.00

- ore 10.00

- ore 11.15

- festiva domenica sera ore 18.30 a Santa Bertilla

Al Graspo d’Uva:

- ore 9.30

A Fornase:

- ore 10.30

Autenticazione disponibile solo per i pubblicatori:

NOI....E LA GITA

Domenica 9 set. Alle ore 8 il pullman con 45 persone parte alla volta di Este. Splendida giornata di sole, ci aspetta una bella avventura! Alle 9,30 S. Messa in duomo, dove purtroppo la grande pala (27 mq.) di Giandomenico Tiepolo non è ancora stata restaurata: il parroco ci informa che per il completamento dei lavori ci vorranno ancora mesi, forse un anno, tanto delicati ed accurati dovranno essere; il dipinto - che rappresenta la liberazione della cittadina dal flagello della peste del 1630 per intercessione di S. Tecla (patrona di Este) – dovrà essere ripristinato alla perfezione con le caratteristiche originali. Nel duomo è esposto anche il corpo di Beata Beatrice d’Este, seconda patrona della città. Nata nel 1191 e mancata nel 1226 lasciò la sua potente famiglia per consacrarsi a Dio. La si ricorda ogni anno il 10 maggio, quando vengono esposti anche gli oggetti ed i paramenti appartenuti a Lei.

Usciti dal duomo, ci si avvia verso i giardini e le mura del castello. Pausa caffè obbligatoria! Nella piazza principale di Este è in corso la Festa degli Sport con dimostrazioni degli atleti delle varie società sportive.

In fondo alla piazza la bella Torre civica di Porta vecchia, costruzione di fine ‘600, imponente e scenografica, è anche questo un simbolo di Este.

Arrivati ai giardini del castello Carrarese ci aspetta la….scalata alla torre o Mastio sommitale. I più coraggiosi si avventurano su per le scale interne alla torre. Su, su, il fiato manca un po’ ma alla fine lo spettacolo che abbiamo davanti ci ripaga: la vista panoramica sui colli è magnifica ed il profilo delle mura del castello lo è altrettanto , un po’ di fatica ripagata da così tanta bellezza.
Chi non è venuto alla torre ha preferito passeggiare tra le aiole fiorite o farsi quattro chiacchiere seduto nel locale interno alle mura.
Nel pomeriggio siamo in visita all’Abbazia di Praglia, un monaco ci accompagna e ci fa da guida raccontandoci la storia. E’ stata fondata tra il XI ed il XII secolo. Vi sono 4 chiostri con giardini e piante coltivati dai frati (stupende le piante grasse), una ricca biblioteca, un refettorio grande con uno splendido arredo ligneo e altri luoghi ricchi di opere d’arte e di storia. Ci sono le coltivazioni agricole che i monaci portano avanti: orto, piante officinali, vigneto, oltre a numerosi alveari per il miele. Hanno anche un laboratorio di restauro di libri.
Verso sera si ritorna, un po’ stanchi, ma abbiamo trascorso una giornata in compagnia, in un clima amichevole e spensierato. Si sono conosciute persone nuove, immancabile qualche barzelletta in bus che ci strappa qualche risata. La strada è breve, si arriva presto a Spinea, tutto è andato bene, il sole ci ha accompagnato tutto il giorno, ci si saluta e ci si dà appuntamento alla prossima gita. Non possiamo mancare!mura este 1giardini praglia